Meno fumo nei film: utili informazioni dagli oncologi Altomare e Galetta

       Liberi dal fumo onlus apprende con piacere che i ridicoli e mortali appelli pro-cancro di alcuni ignoranti registi italiani, ripresi dal Fabio Fazio nazional-popolare della RAI, vengono giustamente criticati da chi vuole semplicemente avere meno persone che muoiono di cancro o di infarto a causa del fumo.

Fabio Fazio e la RAI propagandano il cancro da fumo

   Il 10/1/15 il ministro della salute Lorenzin aveva proposto iniziative per ridurre l’esposizione a pubblicità delle sigarette nei film; dopo pochi giorni sono insorti in modo scomposto, ignorante, reazionario e comunque cancerogeno alcuni non-intellettuali del cinema, tra cui Fazio; Liberi dal fumo aveva criticato Fazio e la RAI (articolo).  Si nota ora che tutto viene utilmente seguito da parte di persone e soggetti che vogliono veramente bene alla salute delle persone.  Tutto è apparso in un ottimo articolo (scarica) su Tabaccologia (2015; 4:35-39), dove due persone esperte in materia (Edoardo Altomare, Domenico Galetta, oncologi, autori dell’utile “Cenere di stelle”), giustamente criticano l’uso di inserire pubblicità al fumo nei film.

, , , , , , ,

Lascia un commento

MPOWER 2015 della OMS: una ottima lettura per difendere i fumatori

        Con un po’ di ritardo Liberi dal fumo onlus segnala che è uscita l’edizione 2015 della “Bibbia” sul tabagismo, cioè il rapporto annuale dell’OMS chiamato “MPOWER”  (si trova qui MPOWER 2015  clicca). 

        Come sempre, il rapporto è una miniera di utilissime informazioni per salvare i tabagisti, e proprio per questo viene puntualmente censurato non solo dai media (sempre amici delle aziende di tabacchi), ma anche dal governo.   210 tabagisti italiani muoiono ogni giorno, dimenticati da tutti; un tabagista italiano muore ogni 7 minuti nell’indifferenza totale, anche di chi si ammanta sparlando retoricamente di “etica”, “salute”, “italiani”.  Aiutare i tabagisti è ancora un peccato, un tabù.

, , , , ,

Lascia un commento

Forza Lazio ! il M5S deposita proposta di Legge contro il tabagismo

          A volte i convegni sono un flusso di gente che si parla addosso, che poiché vola basso parla alto.  In genere sono utili, e stavolta abbiamo prova che anche il convegno “Tabagismo. Impatto multidimensionale su salute, economia e ambiente” (organizzato da M5S Regione Lazio e ANP)(20/3/14) è stato utile, utile in concreto.  Perché dopo le “chiacchiere” i Consiglieri Gianluca Perilli e Devid Porrello sono passati all’azione, proponendo una legge contro il tabagismo e PER I FUMATORI, per aiutarli, per salvarli.

 

Devid Porrello  Perilli

    Porello dichiara :

“Abbiamo depositato una proposta di legge di 9 articoli per disciplinare gli ‘Interventi di lotta al tabagismo per la tutela della salute e dell’ambiente’ per integrare la normativa regionale con quello statale e ridurre il numero di fumatori ‘attivi’ e ‘passivi’ e gli effetti sull’ambiente causati dagli scarti del fumo.
La legge prevede la redazione di un ‘Piano regionale per la lotta al tabagismo’ con interventi di prevenzione, tutela dei non fumatori e rispetto della normativa vigente in materia di fumo e la tutela dell’ambiente perché il ‘mozzicone’ rappresenta un rifiuto pericoloso che non può essere trattato con l’indifferenziato. E’ una proposta aperta al contributo di tutti, come accaduto con il registro tumori e con le nostre altre proposte di legge. La politica deve fare la propria parte per aiutare i cittadini a sconfiggere i danni causati da un vizio che arricchisce pochi a spese di tutti.”

Insomma, ottime iniziative per i fumatori. Qui il testo completo della proposta (pdf).

Liberi dal fumo onlus si complimenta con i Consiglieri Gianluca Perilli e Devid Porrello  !!   Sorriso

        

, , , ,

Lascia un commento

La Giornata mondiale senza fumo 2015 è pronta: stop al contrabbando

WHO%20logo%20new

L’OMS vuole salvare miliardi di fumatori, e un po’ ci sta riuscendo.  Come ogni anno ha un tema per la Giornata mondiale senza fumo, per il 2015 è il contrabbando di sigarette. (a riguardo il rapporto The Tobacco Atlas ha smascherato una pessima figura dell’Italia).

, , , ,

Lascia un commento

La Francia introduce il pacchetto standard: in Italia invece si lasciano morire i fumatori

La Francia, dopo l’Australia e pochissimi o nessun altro paese, sta per introdurre il pacchetto standard (plain package), utile per evitare l’effetto “marchio” : è in Italia ?  Chi pensa ai fumatori italiani ?

,

Lascia un commento

Renzi: “Di tabagismo non ne capisco un cazzo” (I don’t understand a fucking tobacco)

Renzi - di tabagismo non capisco un cazzo Cuore r70

(Italiano / English ) fai tu la conclusione …

  1. Renzi e PM r70 words  (fonte The Tobacco Atlas 2015) “ I governi devono essere più audaci e più innovativi per contrastare il peso crescente del tabacco e l’aggressivo ampliamento delle tattiche delle industrie del fumo, che vogliono sovvertire la regolamentazione e impedire il progresso ” (guarda come ridono) (link di The Tobacco Atlas)       Governments must be bolder and more innovative to counter the rising burden of tobacco and the industry’s aggressive broadening of its tactics to subvert regulation and prevent progress”  [look as they laught]
  2. philip morris zola Renzi Bologna today Arbeit macht frei“Non possiamo permettere che l’industria plasmi in alcun modo i nostri sforzi per la salute pubblica e per porre fine all’epidemia del tabacco.” “We cannot permit the industry to shape in any way our public health efforts to end the tobacco epidemic.” 
  3. p 09 governments must implement“Poichè il fumo è la principale causa di morte prevenibile, i governi devono …….”  Renzi PM - il futuro è oggi 11-10-2014
  4. “ Aumento del lobbying. Philip Morris International [benedetta da Renzi] ha speso GB £ 5.250.000 per attività di lobbying in UE nel 2014. Nel 2012, l’industria ha speso più di US $ 26 milioni in lobbying negli Stati Uniti.  “Increased lobbying. Philip Morris International spent GB£5.25 million lobbying the EU in 2014. In 2012, the industry spent over US$26million on lobbying in the USA.” 
  5. p 19 strategies to promote social acceptability of smoking “Le industrie del tabacco cercano di collegare il fumare ai diritti delle donne, oppure alla moda, al glamour, alla socievolezza, al divertimento, alla magrezza.  Usano varie strategie per promuovere l’accettabilità sociale del fumo ….” (è questo un esempio a cui si presta Renzi Il Genio ?)   Renzi PM 2
  6. Renzi PM - il futuro è oggi 11-10-2014b“Le tattiche dell’industria del tabacco [tra cui la Philip Morris benedetta da Renzi Il Genio] stanno causando economici, sociali e danni ambientali – L’uso del tabacco costa all’economia globale oltre 1 trilione di dollari secondo The Tobacco Atlas e può avere un impatto economico di ben US 2.100 miliardi dollari secondo altre fonti. … .. Le conseguenze economiche, sociali e ambientali negativi di tabacco includono: ”  “Tobacco Industry [they include the Philip Morris blessed by Renzi The Genious” Tactics Are Causing Economic, Social and Environmental Harm – Tobacco use costs the global economy over US$1 trillion according to The Atlas and may have an economic impact of as much as US$2.1 trillion according to other sources. ….. Negative economic, social, and environmental consequences of tobacco include:”
  7. p 20 bans on sponsorship “… le regole per prevenire il fumo nei giovani devono essere messe in atto, anche vietando pubblicità, sponsorizzazioni e promozioni delle aziende del tabacco” Renzi PM 4
  8. “Creazione di un futuro di mancate opportunità – senza cambiamenti, i governi di tutto il mondo mancheranno gli obiettivi per migliorare la salute e le opportunità per ridurre i danni del tabacco: i governi mancheranno il bersaglio globale di OMS, il Piano d’azione NCD [malattie non contagiose] di una riduzione del 30% nel consumo di tabacco, cioè nella prevalenza, da 2025. ”  “Creating A Future Of Missed Opportunities – Without change, governments around the world will miss targets to improve health and opportunities to reduce the harm of tobacco: Governments will miss the WHO Global NCD Action Plan target of a 30% reduction in tobacco use prevalence by 2025.”
  9. p 24 industryRenzi PM 6
  10. p 37 Renzi approved cancer by Marlboro PM Ecco cosa ha sponsorizzato Renzi il Genio
  11. Renzi PM 2 blesses Philip Morris crematorium “ Una audace e più veloce azione è necessaria – Gli autori concludono che una azione più audace e più rapida è necessaria per ridurre l’uso del tabacco:
    – I governi dovrebbero ignorare le minacce delle industrie del settore dei tabacchi, e adottare e applicare misure globali di controllo del tabacco ai più alti livelli di “miglior pratica”.
    – I governi dovrebbero applicare divieti TAPS  
      ….
  12. …. p 39a1 TAPS  [Tobacco Advertising Promotions and Sponsorhsip – Pubblicità, promozioni e sponsorizzazioni del tabacco]  complete, con effetto immediato. L’Atlante rivela che per un terzo dei giovani la sperimentazione di tabacco si verifica a causa di esposizione alla pubblicità del tabacco, alla promozione  [tipo quelle fatta da Renzi il Genio, censurata dai “giornalisti” orwelliani] e alla sponsorizzazione, e il 78% dei giovani di tutto il mondo riportano l’esposizione regolare a tale marketing del tabacco [anche quello fatto solennemente da Renzi].
    – Maggiore ricorso dovrebbe essere fatto di mass media e social media per educare, informare, e incoraggiare smettere. “      
    “Bolder, Faster Action Is Needed – The Atlas authors conclude that bolder, faster action is needed to reduce tobacco use: 
    • Governments should ignore tobacco industry threats and enact and enforce comprehensive tobacco control measures at the highest levels of best practice.
    • Governments should implement comprehensive TAPS    p 39a2 TAPS  [Tobacco Advertistin Promotions and Sponsorhsip ] bans, with immediate effect. The Atlas reveals that one-third of youth experimentation with tobacco occurs as a result of exposure to tobacco advertising, promotion [as Renzi did] , and sponsorship, and 78% of youth worldwide report regular exposure to such tobacco marketing.
    • Greater use should be made of mass and social media to educate, inform, and encourage quitting.
  13. p 38 ban promotion Renzi PM 3
  14. “Citazioni di alcuni leader:   C’è la percezione che sappiamo tutto ciò che riguarda il tabacco e il danno che provoca, ma la verità è che ogni edizione di The Tobacco Atlas rivela qualcosa di nuovo sull’industria del tabacco, le sue tattiche e il vero danno che provoca “, lo ha detto Peter Baldini, Amministratore Delegato, di World Lung Foundation.  “La nostra sfida, come comunità globale di soggetti interessati a salute e lo sviluppo, è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica, per portare nuove voci alla luce, per incoraggiare i governi ad attuare ampie misure di controllo del tabacco il più rapidamente possibile, e per aiutarli a stare ferma contro le minacce del settore e le interferenze. La nostra fervida speranza è che il prossimo Atlas riferirà i frutti di tale strategia.”  “Quotes from leadership_ “There is a perception that we know everything about tobacco and the harm it causes, but the truth is that every edition of The Tobacco Atlas reveals something new about the industry, its tactics and the real harm it causes,” said Peter Baldini, Chief Executive Officer, World Lung Foundation. “Our challenge, as a global community interested in health and development, is to raise awareness, to bring new voices to the table, to encourage governments to implement comprehensive tobacco control measures as quickly as possible, and to help them stand firm against industry threats and interference. Our fervent hope is that the next Atlas will report the fruits of such a strategy.”
  15. p 28 promotional activities cause onset-continuation of sm in young “Le attività promozionali fanno iniziare i giovani a fumare …”.  
  16. p 28b 1third youth started because promotion 1/3 dei giovani sperimenta il fumo per esposizione a …. promozioni …”
  17. p 29 industry attempts to improve their image “Chiamata all’azione !   I governi devono rispettare l’articolo 5.3 della FCTC per combattere le interferenze delle industrie del tabacco …. , tra cui i loro tentativi di migliorare la loro immagine …”  —–> (così ?) La Presse - Il Foglio 11-10-2014
  18. p 36 governments mass media campaigns “I governi devono fare campagne mediatiche per informare le persone dei danni del fumo, e per attivare ed esaltare gli sforzi pubblici per il controllo del tabacco”  (ecco come …)                                                                                                                                                                       15497825505_8b0a875ec4_b

     

  19.              Questa sopra è preso da una pagina del sito (sito cioè la presentazione) della nuova edizione del volume The Tobacco Atlas, pagina chiamata “Tobacco Atlas Finds Industry Tactics Creating a Future of Missed Opportunity to Improve Global Health, Wealth, and Equality” ; le grafiche invece sono proprio da The Tobacco Atlas, un volume pdf di 46 pagine concentratissimo di informazioni su ogni aspetto del tabagismo, esposte in modo molto molto chiaro, ad uso di chiunque ma soprattutto dei governi (se in Italia ce ne fosse uno, e se ci fossero giornalisti) e degli amministratori (idem); negli USA da 50 anni, in Italia da 15, l’azione per salvare i fumatori è diventata non solo medico-scientifica, ma sociale e politica: e Renzi fa politica. Lasciamo a chi legge la valutazione del suo gesto, alla luce di quanto afferma The Tobacco Atlas .

 

Tutto quello raccomanda The Tobacco Atlas: ma il patetico “governo” ha già fatto l’esatto opposto.  E’ superato il bispensiero della neolingua di 1984 di Orwell: ignoranza = forza; guerra = pace; libertà = schiavitù; tabacco = futuro; giornalisti completamente accecati e leccapiedi incapaci di opporsi all’affermazione di Renzi “ 2 + 2 = 5” .

SEGUE %  (CONTINUE %)

Leggi il seguito di questo post »

, , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Negli USA più che dimezzata la percentuale di fumatori

Volendo, si può fare.  Nella cultura italiota gli USA sono stati quasi sempre citati come esempio negativo circa il fumo, dipingendo gli attivisti come bambinoni idioti o esagerati.

Ecco invece la realtà: in 50 anni la percentuale di fumatori si è più che dimezzata,

USA percent smokers halved in 50 years

 

passando dal 42% nel 1964 al 18% nel 2014 (in Italia siamo al 22% cioè 11,3 milioni – dati ISS 2014, percentuale non altissima ma molto da migliorare)   (dati CDC).

Negli USA milioni di cittadini invece di finire in obitorio, la sera tornano a casa dai figli.

, , , ,

Lascia un commento

Il tabacco uccide, anche a 27 anni

Il tabacco uccide, uccide, uccide anche a 27 anni; stavolta una delle centinaia di migliaia di vittime del tabagismo ha avuto un poco di rilievo in India, dove Sunita Tomar (IndiaTimes), consumatrice di tabacco, a soli 27 anni è morta a causa del tabacco, che gli ha causato un cancro alla bocca.  In India si cerca di seguire le indicazioni di OMS, tra cui l’uso di grandi immagini dei danni da fumo sui pacchetti (l’effetto positivo è dimostrato).

"News: 'Implement large graphic health warnings on tobacco packs' 

@[30117719740:274:World Lung Foundation]'s team in India came to know about Sunita as it supported the Union Ministry of Health in the filming of the PSA and the development and launch of the campaign. 

"We were saddened to hear of the death of #Sunita Tomar. Like many women, Sunita began to chew tobacco in the form of an oral dentifrice, ignorant of the lethal effects of a supposed dental hygiene product. Within a few years, she developed oral cancer. Hers is not an uncommon story. 

"Sunita was exceptional in her desire to warn others about the harms of tobacco, to provide them with the information and knowledge she didn't have," Nandita Murukulta, Country Director, India and Director of Global Research and Evaluation, World Lung Foundation said. 

Watch her story here: http://bit.ly/4Sunita  
Read more at:
http://economictimes.indiatimes.com/articleshow/46787051.cms?utm_source=contentofinterest&utm_medium=text&utm_campaign=cppst"

, , ,

Lascia un commento

Ridurre il volume delle sigarette: una proposta dal recente WCTOH

          Tra le tante proposte del recente WCTOH 2015 di Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), c’è quella dell’attivista Venkat Regunathan, che propone di ridurre il volume delle sigarette, riducendo lunghezza e diametro, e aumentando la lunghezza del volume, anno dopo anno (il progetto è qui clicca).  Pensiamo che Big Tobacco farà infinite obiezioni, ma se l’iniziativa verrà condivisa tra vari soggetti e con l’OMS, essa non sia un’utopia ; un compromesso potrebbe essere quello di non prevedere il progetto in 10 anni, ma magari in 20, più lento.

,

Lascia un commento

Pronta la nuova edizione di The Tobacco Atlas

           Dopo 3 anni, l’ultimo lavoro è del 2012 (censurato da media, politici e cittadini), torna The Tobacco Atlas edizione 2015 (in alto a destra c’è il .pdf) , il documento sulla situazione mondiale della pandemia di tabagismo (un morto ogni 6 secondi).  Centinaia di informazioni autorevoli e consolidate sono presentate in forma chiara e comprensibile a qualunque cittadino con una minima conoscenza di inglese scolastico; il documento, in parte simile a quelli dell’OMS (chiamati “MPOWER”) fa il punto sulla strage da tabagismo.   Prevediamo – ma pronti a riconoscere il contario – che anche questa edizione sarà censurata (specie dai cosiddetti “mezzi di informazione”) con l’efficacissima arma di inondare di “notizie” spazzatura, gossip di ogni specie, cioè con le armi di distrazione di massa.

The Tobacco Atlas 2015

, ,

Lascia un commento